ANALISI DEL TRAFFICO GENERATO DAI PORTALI IMMOBILIARI

gen 23
2012

La volontà di analizzare il mondo dei portali e aggiornare gli utenti sull’andamento degli stessi, che è uno degli elementi chiave alla base della nascita del blog, ci ha portato a condurre una profonda ricerca sul traffico che generano questi importanti attori del Web immobiliare.

Ci teniamo a precisare che, con questo intervento, non intendiamo in alcun modo, dettare una classifica in termini di efficacia ed efficienza dei portali, dal punto di vista dei contatti generati, della qualità degli stessi e in generale della bontà a livello commerciale dello specifico sito, ma solo riportare e commentare una serie di dati analitici, confrontabili da ogni utente, che esaminano il traffico generato da ogni singolo portale.

Per la nostra analisi, sono stati censiti circa 200 portali immobiliari nazionali (presenti nella sezione Censimento del blog) e la ricerca è stata svolta minuziosamente in rete ma non è esclusa la possibilità che qualche portale non sia stato incluso nella lista; qualora un portale non si trovasse nell’elenco, vi invitiamo a segnalarcelo e provvederemo ad aggiungerlo.

Dall’indagine sono stati esclusi: i portali a carattere regionale; gli aggregatori in quanto prendono i contenuti dagli stessi portali (es.: Trovit, GoHome, Nestoria…) ed il traffico ritorna sugli stessi; i portali di annunci generalisti (es: Ebay, Subito, kijjji …) in quanto è difficile identificare le quote di traffico attribuibili ai soli annunci immobiliari, visto la varietà di categorie da questi trattate.

I dati censiti sono stati quindi inseriti su AD Planner di Google, lo strumento che Google mette a disposizione gratuitamente ai pubblisher. Coloro che intendono investire in pubblicità online hanno quindi la possibilità di misurare ogni singolo sito per valutarne l’eventuale efficacia dell’investimento ed il target, infatti AD Planner fornisce pure informazioni socio-demografiche (fasce d’età, grado d’istruzione, sesso ecc..).

Precisiamo inoltre che ,della lista di portali immobiliari a nostra disposizione, Google Ad Planner ha fornito informazioni solo per 44 di questi, considerando solo il traffico “ITALIA”: 123case.it, affitto.it, annunci-casa.com, attico.it, babelecase.it, bancadellecase.it, benecasa.it, benimmobiliari.it, cambiocasa.it, casa.corriere.it, casa.it, casaclick.it, case.it, case24.it, casecasa.it, caseuffici.it, cazar.it, cercacasa.it, cercaimmobili.it, cercasicasa.it, cheannunci.it, corriereimmobiliare.com, cubocasa.it, eurekasa.it, globimmo.net, globocase.com, gratiscasa.it, home.it, i-casa.it, icase.it, idealista.it, immobiliare.it, immobiliweb.com, livellocasa.it, mioaffitto.it, offrocasa.com, offrocerco.com, pcase.it, prendicasa.it, risorseimmobiliari.it, solocase.it, soluzioneimmobile.com, trova-casa.net, trovocasa.corriere.it.

Tutti gli altri siti non avevano dati di traffico disponibili; Supponiamo, da verifiche empiriche, che qualora il livello di traffico sia inferiore alla media di 1000 accessi giornalieri, per tali informazioni Google AD Planner non sia in grado di fornire stime. Motivo per cui abbiamo stimato la sommatoria del traffico dei portali oltre la 50esima posizione supponendo una valore prudenziale di 15 mila accessi/mese per ogni portale senza dati sensibili di traffico.

Dai 44 siti che hanno prodotto risultati in termini di traffico tracciabile, abbiamo selezionati i primi 25, che hanno composto la TOP25, oggetto della nostra indagine.

Il primo dato che si evidenzia dallo studio realizzato è l’egemonia nel settore di 3 player fondamentali: Casa.it, Immobiliare.it e Idealista.it.

Facciamo i complimenti per l’imponente traffico generato dal portale Casa.it, che da anni continua la sua strategia di investimento diversificato, nei vari media e nel Web, per fornire alle agenzie sempre maggiori opportunità di visibilità.

Una nota positiva è rivolta anche ad Idealista che ha conquistato il podio con ben 3 milioni di utenti , dopo una partenza nel 2009 al sesto posto ( Fonte: Audiweb powered by Nielsen OnLine), con circa 123mila utenti unici e 416 mila accessi (classifica Nielsen).

Ma i numeri ottenuti rivelano una altra serie di informazioni MOLTO interessanti:

-          il traffico generato dagli altri 22 portali della TOP25 quota circa 5 milioni di utenti,

-          rinunciare ad essere presenti su questi portali significa rinunciare ad 1/3 della possibilità di contatto,

-          Dalla posizione 25 alla posizione 50, il traffico stimato ammonta a circa 1 milione di utenti.

-          oltre il podio c’è un’utenza da raggiungere di circa 8 milioni di utenti!

E’ importante ribadire che quella restituita è la fotografia di “oggi”, ma le cose possono variare molto in fretta, vista la velocità dei cambiamenti che intervengono nel Web. Non è escluso che Portali che ora sono “piccoli” o fuori classifica domani possano diventare Top Player; anzi è doveroso “dare fiducia” ai portali oggi minori, dal nostro soggettivo punto di vista, per fornire loro gli strumenti per crescere ed evitare di ridurre il mercato a pochi player e quindi poca concorrenza.

Testimonianza evidente, è il caso di Livellocasa.it, giovane realtà che si è affacciata nel panorama dei portali immobiliari da meno di 2 anni ed ha scalato in fretta le classifiche fino a posizionarsi nella TOP25. Oggi è 21esimo in classifica, mentre fino a 12 mesi fa, risultava nel gruppo dei portali con dati “non pervenuti”.

Obiettivo ambizioso che si pone il blog è ripetere, con costanza temporale, questo tipo di analisi; anche per tale motivo, qualora i portali stessi volessero confrontare i dati riportati con quelli in loro possesso da google analytics o adplanner siamo favorevoli ad pubblicarli, in piena trasparenza per renderli fruibili agli utenti, la maggior parte dei quali sono clienti dei portali stessi o apportare le opportune rettifiche in caso di dati discordanti dimostrati.

Fonte: Redazione Portaliimmobiliari.net

20 Commenti

  • Franco

    24 gennaio 2012 | Reply

    Salve, l’indagine è interessante ma non esaustiva. Ad Planner di Google non è una Bibbia e i dati che fornisce sono soltanto stime. E una stima è pur sempre una approssimazione.

    Gli unici dati veramente interessanti da prendere in considerazione sono quelli dei Log dei server… dati che ognuno, naturalmente, non diffonde per questo tipo di indagini.

    Grazie per i dati che comunque ci fornite… sarebbe veramente interessante poter osservare dati più precisi specie dei primi 50 portali immobiliari.

    • Gianluca

      26 gennaio 2012 | Reply

      Salve Franco,
      è vero che sono stime ma comunque attendibili stando a quanto dichiara Google “Precisione dei dati di DoubleClick Ad Planner
      I dati offerti da DoubleClick Ad Planner sono stime basate su analisi automatizzate di milioni di query di ricerca e di visite di siti. Tuttavia, i dati di DoubleClick Ad Planner sono sufficientemente precisi da essere utilizzati come riferimento e per fornire suggerimenti di pianificazione validi. Stiamo continuando a lavorare per migliorare la precisione di queste stime.”
      Poi leggo che c’è la totale apertura a raccogliere i dati dai portali e pubblicarli. Speriamo che i portali decidano di aderire all’iniziativa.
      Secondo me chi non ha nulla da nascondere non avrà problemi.

      • Franco

        3 febbraio 2012 | Reply

        Avrete notato che da un paio di giorni AdPlanner è accessibile solo previa registrazione… forse perché non è uno strumento nato per fare statistiche e sondaggi come questo…

        ad ogni modo… le stime sono sempre stime… altrimenti sarebbero dati precisi!

        saluti

        • Gianluca

          3 febbraio 2012 | Reply

          Ovvio che se tutti si rendessero disponibili a presentare i dati analitycs sarebbe meglio.
          Però dopo questo articolo ho provato ad applicare lo stesso metodo e confrontato i dati con analitycs e l’ho trovato perfettamente allineato. Unica differenza: analitycs mi fornisce il dato al centesimo, es: 12350 e ad-planner 12 migliaia.
          Ma sui grandi numeri personalmente non ho trovato discrasie. Anche se si tratta di stime, credo, viene comunque applicata la stessa metrica e quindi le regole che portano alla stima sono uguali per tutti.
          Sul fatto che ci si debba registrare, onestamente non lo vedo come un plus o minus sul metodo, o forse mi sfugge qualcosa a tal riguardo.
          Anche Nielsen e Audiweb forniscono stime… ma tutti le consideriamo attendibili, poi è chiaro che può esserci uno scarto.

          • franco

            7 febbraio 2012

            con le nuove regole sulla privacy di google, registrandosi, cambiano molte cose… cambiano anche i risultati delle metriche… lo stesso analytics di google mostra degli avvisi per quanto riguarda i dati forniti che dopo un tot non sono più precisi…

            i risultati dei vari sistemi di statistica sono molto differenti… al massimo si trovano dei dati simili

            potrei stare qui a disquisire e dialogare sul come si debbano interpretati/letti i dati delle metriche ma non è la sede adatta…

  • Gabriele

    24 gennaio 2012 | Reply

    Finalmente!
    Bella questa analisi, ero stanco di sentire la solita frase quando contattavo i vari portali “dopo casa.it e immobiliare.it ci siamo noi”!
    Grazie

  • Domenico Miccione

    28 gennaio 2012 | Reply

    Al di là dei commenti già fatti, la domanda che pongo a questi istituti ri ricerca e sondaggio é: Perché non si includono tra “i portali immobiliari” anche i portali delle reti in franchising, che spesso (vedi Tecnocasa), per n. di agenzie presenti e volume di immobili pubblicati, non hanno nulla da invidiare ai portali generalisti.
    Confrontare i numeri di traffico tra tutti gli operatore presenti nel web, questo a parer mio darebbe un quadro più fedele della situazione e aiuterebbe maggiormente le piccole agenzie ad orientarsi nella scelta del partner e della formula commerciale da adottare.

    • Gianluca

      30 gennaio 2012 | Reply

      Per avere un quadro completo la considero un’ottima idea.
      Però l’analisi proposta credo avesse uno scopo diverso (ma chiedo l’intervento di Portaliimmobiliari):
      trattasi di portali dove le agenzie decidono o meno di investire soldi in pubblicità e quest’analisi permette loro di avere una bussola di orientamento. I portali dei franchising sono proprietari e quindi “a numero chiuso” :)
      Forse non aiuta l’agenzia in tal senso e forse è stato questo il motivo dell’esclusione. Ma ripeto, è solo una mia ipotesi.

  • Simone Revelli

    1 febbraio 2012 | Reply

    Questa interessante statistica non tiene però conto dei portali immobiliari locali. Che sono una bella realtà. La casa la si cerca quantomeno per provincia che so, “cerco casa a parma” o qualcos’altro. Ma nessun utente va in rete a scrivere “cerco casa” o “casa in affitto”
    La componente geografica nella chiave di ricerca è un aspetto importante.
    Ad esempio, il nostro circuito di portali immobiliari, che è presente solo in Emilia Romagna con 7 portali immobiliari locali si posiziona in termini di resa per clienti alla pari di Casa.it / Immobiliare.it pur non potendo essere misurabile a questi colossi per numero complessivo di visitatori.

    Il vostro blog, così attento, dovrebbe mettere luce a questi aspetti.

    Cordialità
    Simone

  • Silvia

    1 febbraio 2012 | Reply

    Concordo in generale con Simone. Sarebbe molto interessante vedere come vanno nelle diverse regioni, o province i portali locali, per capire come funzionano queste realtà minori. Penso però che forse sia un po’ più complicato monitorarle proprio per la loro caratteristica locale.

    • Mary

      26 febbraio 2012 | Reply

      L’italiano medio vive come se ssetse ancora all’inizio del 2000, non ha idea di cosa sia internet e guarda ancora la televisione.Siamo vecchi dentro.

  • Simone Revelli

    1 febbraio 2012 | Reply

    Io credo che il modo di monitorare esista..che so, ognuno da le proprie google analytics….però in ogni caso è un fenomeno da rilevare e menzionare. Mi rendo disponibile a discuterne con lo staff.

    Cordiali saluti
    Simone Revelli

    • Gianluca

      2 febbraio 2012 | Reply

      Personalmente penso che quanto più sia approfondita l’analisi meglio sia per tutti, compreso gli operatori che potranno avere dei punti di riferimento. Pertanto mi associo in generale all’idea di Simone di fornire i dati analitycs, per 2 motivi.
      1) ho provato ad utilizzare AD-Planner con lo stesso metodo applicato per questa analisi ed effettivamente c’è un limite oggettivo. Sotto una certa soglia di traffico non fornisce risultati per quel sito. Penso che il motivo sia semplice, è uno strumento che serve a consigliare ai pubblisher dove fare pubblicità, quindi considera (da quel che ho capito) siti che abbiano almeno una certa soglia.
      2) Condivido con Simone che un traffico giornaliero a carattere locale (es.: 500) abbia maggior valore di chi genera questo livello di traffico a livello nazionale, ma su AD-Planner non si viene di fatto censito.
      Ma ho intuito che tale aspetto fosse già emerso alla redazione e dichiarato “Dall’indagine sono stati esclusi: i portali a carattere regionale…”

      Vero è che questo articolo ha animato un dibattito ed ha lanciato il primo sasso nello stagno e fornito nuovi spunti costruttivi. Mi congratulo con lo staff e con i partecipanti alla “discussione”

      Fornire i propri dati analitycs la trovo un’ottima idea e la quoto.
      Chi non ha niente da nascondere non avrà obiezioni di sorta

  • dario

    3 febbraio 2012 | Reply

    Quello che mi lascia atterrito è che il leader abbia il 4,3% del mercato… è difficilissimo investire su internet per questa frammentazione..grazie comunque e continuate così.

  • Giorgio

    7 febbraio 2012 | Reply

    seguendo oramai da ben 10 anni i vari portali immobiliari per mie vendite on line, mi posso trovare d’accordo con le percentuali riportate, avendo visto che i riscontri avuti da casa.it e immobiliare.it mi hanno ripagato per abbonamenti da me contratti. .

  • marcos

    10 febbraio 2012 | Reply

    bisognerebbe fare una analisi per regione per far capire bene agli agenti quali sono i portali piu’ visti nelle proprie regioni, si può fare una ricerca del genere?
    cordiali saluti

  • Bruno

    20 febbraio 2012 | Reply

    Salve a tutti. Sono il responsabile tecnico del portale CASAndo.it
    Il nostro portale “risulta nel gruppo dei portali con dati “non pervenuti””. Approfitto di questa discussione per fare i migliori auguri a tutto lo staff di questo sito che mi sembra veramente molto ben fatto e formato da persone la cui professionalità è “leggibile” tra le righe di tutta la struttura. Sono sicuro che se ne sentirà parlare sempre di più.
    Complimenti che rinnovo anche nella elaborazione di questo interessantissimo articolo. Non voglio in quest’ambito entrare nel merito perché sarei chiaramente di parte. Ho però l’obbligo morale, come chiede anche qualche commentatore e per quanti ne fossero interessati, di rendere pubblici i dati statistici del nostro portale non presenti con adPlanner di google semplicemente perché per le statistiche ci serviamo di una altra piattaforma che riteniamo (in questo settore) molto valida: Histats.com. Il codice di integrazione per Google Analytics lo abbiamo inserito da pochissimo tempo ed è solo per questo (credo!) che i nostri dati non risultano.
    I dati statistici sono presenti nell’articolo scritto al seguente link:
    http://news.casando.it/News.aspx?Page=LeggiArticolo&CASAndoit-da-i-numeri—Statistiche-e-considerazioni-sul-traffico-generato&idn=9
    Sono a disposizione (e verificabili a richiesta) di tutti coloro che vogliono approfondire.
    In questa sede dico con tranquillità e simpatia… che se ancora non siamo nei top 25 ci saremo presto!
    Sono a disposizione della redazione per ogni altra eventuale verifica e/o approfondimento
    Saluto tutti. Buon lavoro.

  • Doe

    24 aprile 2012 | Reply

    Molto bello,
    riuscireste a fare anche un analisi e mettere in confronto i prezzi dei servizi (per le agenzie e per i privati) di vari portali. Questi prezzi non sono mai visibili o pubblicizzati. Sarebbe molto interessante… Grazie e complimenti!

  • Angela

    18 luglio 2013 | Reply

    Salve, vorrei avere la classifica aggiornata visto che risale al 2012. Grazie

  • roger vivier online

    9 giugno 2015 | Reply

    ANALISI DEL TRAFFICO GENERATO DAI PORTALI IMMOBILIARI | Portaliimmobiliari.net
    roger vivier online http://www.landbruksutdanning.no/adm/rv.asp/

Lascia un commento